Il nuovo Osservatorio EGM: dati al 31.12.2021

Analisi
3 minuti
15.03.2022
Share

La quotazione in borsa rappresenta una grande opportunità per tutte quelle società che ricercano capitali per implementare i propri piani di sviluppo. Per le piccole e medie imprese italiane ad alto potenziale di crescita il riferimento è l'Euronext Growth Milan (EGM), segmento di Borsa italiana pensato appositamente per le esigenze delle PMI e che offre loro un percorso di quotazione semplificato, con requisiti minimi di accesso e adempimenti calibrati per società di dimensioni minori.

Azimut Direct è attiva sul mercato EGM come Advisor finanziario, affiancando le imprese nel processo di quotazione, assistendole nella definizione della struttura dell’offerta e nelle relazioni con tutti gli altri attori del processo.

Riteniamo altrettanto importante l’aspetto informativo, ed è per questo che già in passato abbiamo approfondito il tema EGM e i benefici che una società può ricevere dalla quotazione su un mercato regolamentato, nell’articolo “Quotarsi sul mercato Euronext Growth Milan: quali i vantaggi per le PMI”. Per fornire una visione d’insieme attraverso i numeri che caratterizzano il mercato abbiamo deciso di fare un passo in più, e inauguriamo oggi il nuovo “Osservatorio Euronext Growth Milan” con cadenza semestrale.
 

I dati di mercato a fine 2021: principali evidenze

Al 31.12.2021 Euronext Growth Milan conta 174 società quotate per una capitalizzazione complessiva pari a EUR 11,5Mld, in netta crescita rispetto ai EUR 5,9Mld registrati a fine 2020.

Nel corso del 2021, senza considerare le SPAC, si sono quotate sul mercato EGM ben 42 società, battendo le 30 IPO del 2019 e segnando quindi un nuovo record. Anche la raccolta totale, sempre al netto delle SPAC, è stata da record con EUR 486,8M, valore di gran lunga superiore ai EUR 190,4M registrati nel 2017.

Per quanto riguarda gli indicatori di riferimento legati alle IPO, i dati evidenziano come le aziende entrate nel 2021 siano più mature rispetto a quelle entrate nel 2020. La market cap media pre-money è cresciuta da EUR 24,2M a EUR 46,1M. La raccolta media è aumentata di conseguenza, passando da EUR 6,5M a EUR 11,6M. Il flottante medio è rimasto invece stabile: 23,8% nel 2021 rispetto al 24,6% del 2020.

La forte crescita che il mercato EGM ha avuto in questo ultimo anno è testimoniata anche dalle 127 società (su un totale di 174) che hanno registrato una performance positiva. I tre titoli migliori sono stati Sciuker Frames (+279,1%), Doxee (+254,3%) e Vantea Smart (+242,3%).

Infine, l’analisi dei dati di bilancio risulta particolarmente interessante al fine di verificare l’effetto benefico della quotazione: dall’analisi sui dati di bilancio nel triennio 2018-2020 delle società entrate sul mercato EGM nel 2018 risulta infatti che i valori medi di fatturato ed EBITDA siano migliorati rispetto al periodo antecedente la quotazione.

Non mancano tuttavia le criticità: sul totale società presenti sul mercato, più della metà presentano una capitalizzazione inferiore a EUR 100M con un indice di liquidità (dato dal rapporto tra volume medio giornaliero e numero di azioni in circolazione) inferiore allo 0,4%. E più di un quarto presentano una capitalizzazione inferiore a EUR 50M, con un indice di liquidità inferiore allo 0,2%. 


Il nostro punto di vista

Negli ultimi anni gli operatori istituzionali stanno riservando una sempre maggiore attenzione nei confronti del mercato EGM, rendendolo il punto di riferimento per tutte le PMI che intendono accelerare il proprio processo di crescita attraverso la quotazione in borsa

Le ottime performance registrate dall’EGM nel 2021 – con numeri record per quanto riguarda ammissioni, capitali raccolti nonché rendimento dell’indice azionario – evidenziano un mercato in forte espansione che offre alle PMI più dinamiche, competitive e ambiziose la possibilità di accedere in modo efficiente ad una platea selezionata di investitori focalizzati sulle small-cap, e dove il gruppo Azimut si qualifica quale operatore di assoluto rilievo. Non solo in qualità di financial advisor con Azimut Direct, ma anche come investitore tramite i propri fondi: con 89 titoli e circa 100 milioni di dollari investiti, Azimut si conferma infatti anche per il 2021 primo player sul mercato EGM.